MALARAZZA

MALARAZZA

Tratto originariamente da un sonetto di un poeta siciliano anonimo e successivamente pubblicato nel 1857 dal poeta Lionardo Vigo Calanna, il brano fu messo in musica da Domenico Modugno nel 1976.

Il testo compare nella prima edizione della Raccolta amplissima di canti popolari siciliani con il titolo Lamento di un servo ad un Santo crocifisso e racconta di un povero servo che chiede a Gesù di salvarlo dal suo cattivo padrone, che lo tormenta e lo maltratta.

Nu servu tempu fa d’intra na piazza
Prigava a Cristu in cruci e ci ricia:
“Cristu, lu mi padroni mi strapazza
mi tratta comu un cani pi la via.

Si pigghia tuttu cu la sua manazza
Mancu la vita mia rici che è mia
Distruggila Gesù sta malarazza!
Distruggila Gesù fallu pi mmia!
…fallu pi mia!”

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!

E Cristu m’arrispunni dalla cruci:
“Forsi si so spizzati li to vrazza?
Cu voli la giustizia si la fazza!
Nisciuni ormai chiù la farà pi ttia!

Si tu si un uomo e nun si testa pazza,
ascolta beni sta sentenzia mia,
ca iu ‘nchiodatu in cruci nun saria
s’avissi fattu ciò ca dicu a ttia.
Ca iù ‘inchiadatu in cruci nun saria!”

Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!
Tu ti lamenti, ma che ti lamenti? Pigghia nu bastoni e tira fora li denti!

Negli anni ’70 il sonetto originale del Lamento fu riscoperto da Dario Fo, che lo inserì nello spettacolo Ci ragiono e canto.

Bellissima la versione di Carmen Consoli.

La risposta rivoluzionaria di Cristo è di combattere per le proprie idee e di non perdere mai la speranza. La libertà si conquista solo assumendosi tutte le responsabilità della propria condizione.

Brano attualissimo. Parola di Vasco.

Caterina Carloni

Sonetti siciliani di L. Vigo

Ti potrebbe interessare anche:

cateca

2 pensieri su “MALARAZZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *