SEMPLICITA’

SEMPLICITA’

Dal latino simplex, composto dalla radice sem (uno solo) e plectere (piegare), vale a dire “piegato una sola volta”. Semplice: privo di complessità, essenziale, naturale, privo di aggiunte o di frange.

Esiste un giardino chiamato “l’orto dei semplici”. Così vengono definite le erbe medicinali che sono la base per composti curativi. Una semplice pianta che, oltre ad offrire la sua bellezza, offre le sue proprietà curative, come per esempio l’erba viperina, che ha proprietà depurative, espettoranti, emollienti ed è anche un antinfiammatorio topico. Quanta essenza in una sola pianta!

erba viperina

Osservo la natura con rispetto e curiosità. Un fiore, ad esempio,  è semplice nel suo sbocciare e aprirsi alla luce, alla vita. Dona gioia a chi lo osserva e cibo a chi si nutre del suo nettare.

Gli animali sono l’altra grande espressione della semplicità. Ad esempio, rimanere seduti con accanto il proprio cane ad osservare l’immenso. Non occorrono parole né gesti e neanche spiegazioni. C’è comunque una forte condivisione, una condivisione di anime. La semplicità di quel momento racchiude il tutto.

 Viviamo di corsa, distratti da mille pensieri e da mille aspettative, pieni di paure e d’insoddisfazione. Sembra sempre che qualcosa ci sfugga dalle mani. Sembra sempre che manchi qualcosa per essere veramente felici. Inseguiamo una mèta e ci perdiamo la parte più bella… il viaggio! Ma così non vediamo ciò che abbiamo veramente, ciò che accade ogni istante. Ci perdiamo il piacere del momento: il sorgere del sole, il vento che accarezza la pelle, il rincorrersi degli uccelli che giocano tra loro e il sorriso o le parole di una persona cara che in quel momento è lì per noi, solo per noi. Non catturiamo l’essenza di ciò che abbiamo. Rimaniamo sulla superficie, ma oltre c’è il vero mondo da scoprire.

Oltre, c’è la semplicità. Oltre, c’è la nostra vera essenza.

  • “Io non sono un genio, io sono solo curioso. Faccio molte domande, e quando la risposta è semplice, allora Dio sta rispondendo” (Albert Einstein)
  • “La capacità di semplificare significa eliminare il superfluo in modo che solo il necessario possa parlare” (Hans Hofmann)
  • ”Quando corri cosi veloce per giungere da qualche parte ti perdi la metà del piacere di andarci. Quando ti preoccupi e corri tutto il giorno, la vita è come un regalo mai aperto, gettato via…” (David Weatherford)

Elisabetta Verdecchia

L’ARTICOLO E’ PUBBLICATO ANCHE SUL BLOG DELL’AUTRICE http://parolacreativa.blogspot.com

Ti potrebbe interessare anche:

cateca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *