ALLA RICERCA DELL’UOMO PERDUTO

ALLA RICERCA DELL’UOMO PERDUTO

Come nella ricerca della donna perduta, il mito di Venere aiuta a rintracciarne le orme, così nella ricerca dell’uomo perduto, il mito di Marte ci viene in soccorso.

L’aspetto luminoso dell’archetipo, la sua adesione alla figura del cavaliere senza paura e senza macchia, partecipa alla lotta in difesa di cause nobili e giuste, e sa vedere negli indifesi, amici da salvare da destini sfortunati, non indietreggiando mai davanti a nessuna difficoltà perché è onesto e leale e non conosce ostacolo che lo frapponga alla realizzazione dei suoi ideali.

Ci sono sicuramente uomini così, ma non sono la maggioranza, come dovrebbe essere. Perché? Cosa è successo? Cosa ha scoraggiato l’ardore? Dove si è smarrito l’archetipo?

Viene il sospetto, anche qui,  che le sue qualità non siano scomparse, ma siano scivolate nel disincanto e nel cinismo incrementati da certi insuccessi – inevitabili nella vita di tutti – ai quali si sia data un’importanza eccessiva, alimentando di conseguenza la facile scelta del paragone e della prevaricazione.

Quanto sarebbe più facile, invece, deporre le armi e tornare ai sogni dell’infanzia che contenevano il seme della piena e soddisfatta realizzazione, rafforzandone l’intensità e la passione per far emergere quella parte oppressa che chiede solo di venire alla luce, poter respirare ed espandersi.

Elisabetta Mastrocola

Libro: Lungo cammino verso la libertà di Nelson Mandela – Autobiografia – Feltrinelli

COMPRA IL LIBRO

Ti potrebbe interessare anche:

cateca

4 pensieri su “ALLA RICERCA DELL’UOMO PERDUTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *