IL TESORO NASCOSTO

IL TESORO NASCOSTO

Il grande filosofo trascendentalista Ralph Waldo Emerson, amante dell’umanità e della natura, sapeva cogliere con profonda sensibilità le ricchezze racchiuse in ogni essere umano, il suo tesoro nascosto.

I versi che introducono il saggio STORIA recitano:

«Non vi è né grande né piccolo

per l’anima che tutto crea;

e dov’essa arriva, lì sono le cose;

ed essa arriva in ogni luogo.

Io sono colui che possiede la sfera,

le sette stelle e l’anno solare,

la mano di Cesare e di Platone il cervello,

di Cristo Signore il cuore, e di Shakespeare la musica»

La fiducia e l’entusiasmo di Emerson non devono far pensare ad un ottimismo volitivo insito nell’atmosfera romantica e possibilista dell’Ottocento americano, ma invece ad una reale intuizione e ad una visione futura che vede nel talento individuale – e nella fiducia in questo stesso talento – la base per un’ampia apertura alla cooperazione sociale  e al pieno sviluppo civile e culturale  che nascono da un insieme di individui sereni e liberi di sviluppare le proprie capacità.

E come non constatare che una società composta da persone sostenute nella realizzazione dei propri progetti sia naturalmente più amichevole, ben disposta e capace di appianare qualsiasi controversia possa sorgere?

I versi del filosofo ci spingono verso una riflessione che propone una visione del vissuto personale e della realtà quotidiana dal punto di vista non della mancanza e della privazione, ma della disponibilità ad accogliere qualsiasi segno di originalità e innovazione, da qualunque parte arrivino, per vedere, come Michelangelo vedeva, un corpo perfetto nascosto nell’immensa massa di marmo che avrebbe scolpito.

Elisabetta Mastrocola

Libri:

Il carattere e la vita umana di R.W. Emerson, editore Piano B

 Fiducia in sé stessi di R.W.Emerson, editore Goodmood

Ti potrebbe interessare anche:

cateca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *