WOMAN di JOHN LENNON

WOMAN di JOHN LENNON

Le parole del testo WOMAN di John Lennon, ispirate da Yoko Ono e dedicate a lei e a tutte le donne, sono di una semplicità disarmante eppure, per la loro sincerità e naturalezza, capaci di toccare il cuore.

Adagiate sulla melodia perfetta, non dichiarano promesse ardite e non scomodano fantasie raccolte dai sogni perduti dei poeti, ma accompagnano l’incontro di un uomo e di una donna che, come John e Yoko, si sono riconosciuti e non si sono più lasciati.

Sempre insieme – come da formula matrimoniale – finché la morte non li separò.

Oggi, in un’epoca controversa di rapporti sentimentali difficili e noiosi e di incomprensioni irrisolute – dove fortunatamente gli amori continuano a nascere e a coltivarsi – dell’amore non si canta più il sentimento puro.

Ma il sentimento d’amore, anche se privo di colonna sonora, non è morto.

WOMAN è una preghiera di ringraziamento alla donna, per quello che sa dare, per come sa accogliere e confortare. È il riconoscimento del femminile, della sua essenza profonda, che l’uomo scopre quando, rispecchiandosi negli occhi di lei, ritrova la sua stessa intima e infinita essenza.

La magia di una canzone è nella sua atemporalità, che colma il bisogno di ascoltare parole d’amore; quelle parole che accompagnano le storie che sono state, che sono e che saranno; quelle parole d’amore che accendono la luce quando scendono le ombre e si ha bisogno del rifugio di un abbraccio sicuro, della dolcezza di un sorriso, della potenza di un’intesa assoluta.

Traduzione del testo

DONNA

Per l’altra metà del cielo …

Posso esprimere con fatica

le mie emozioni miste alla mia spensieratezza,

dopotutto ti sono sempre debitore.

E, donna, cercherò di esprimere

i miei sentimenti intimi e la gratitudine

per avermi mostrato il significato del successo.

Oh, bene bene, du du du du

Oh, bene bene, du du du du

Donna, so che tu comprendi

il bambino che è nell’uomo.

per favore, ricorda che la mia vita è nelle tue mani.

E, donna, tienimi stretto al tuo cuore,

e anche se siamo distanti, non separiamoci,

dopotutto è scritto nelle stelle.

Oh, bene bene, du du du du

Oh, bene bene, du du du du

Bene,

donna, lascia che mi spieghi,

non ho mai voluto causarti dispiacere o dolore,

così, lascia che ti ripeta ancora e ancora e ancora,

ti amo (sì sì)

ora e per sempre,

ti amo (sì sì)

ora e per sempre,

ti amo (sì sì)

ora e per sempre.

Elisabetta Mastrocola

Libro: VITA NOVA di DANTE ALIGHIERI

Ti potrebbe interessare anche:

cateca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *