#IOSORRIDODIPIÙ

#IOSORRIDODIPIÙ

Alle difficoltà, alle imposizioni, alla perdita di libertà che accompagnano certi momenti di crisi si può rispondere in tanti modi e la gamma di reazioni alla quale assistiamo, in tempo di Covid-19, è direttamente riflettente della consapevolezza che ognuno di noi ha.

In chi prevale la paura, si riflette un atteggiamento diffidente e sospettoso nei confronti dei propri simili; in chi è rabbioso, vediamo un fastidio che rasenta l’intolleranza verso chi non si comporta come, a proprio parere, si dovrebbe comportare; in chi è impaziente, la ribellione fa vedere carcerieri e ostacoli ovunque.

C’è poi lo sguardo di uno sconosciuto che incontra il tuo sguardo e senza “alcun motivo” nel volto gli si spalanca un sorriso che, inevitabilmente, spalanca un sorriso anche nel tuo viso.

Ritorniamo così ad essere umani e ad avere una voglia di naturale allegria, spontanea come quella dei bambini.

#IOSORRIDODIPIÙ può essere un’idea, un’affermazione che non conosce confini, un’alternativa felice alla domanda: come finirà?

Vogliamo che finisca bene! Intanto però, sorridiamoci di più!

Francesco Guccini ha detto rispondendo ad un’intervista:

“In tempo di guerra la gente aveva una voglia di ballare che faceva luce”

Sorridiamoci e balliamo, cantiamo e studiamo, anche a distanza, e non smettiamo mai di ammirare l’incanto della luce, quando si accende sul volto degli altri.

Elisabetta Mastrocola

Libro: Vivere, amare, capirsi – Leonardo Buscaglia

Potrebbe interessarti anche:

cateca

Sito web gestito da C. Carloni, psicologa e psicoterapeuta & E. Mastrocola, scrittrice e giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »